OSSIGENO AL PAESE

Ai dipendenti 1.500 euro in più
Regalo di Natale dagli utili
È la nostra missione sociale

MONZA

MILLE E CINQUECENTO euro netti. È il regalo che Sapio ha fatto a gran parte dei suoi 1.800 dipendenti per i risultati nel 2017. Un extra bonus – che «ha fatto trascorrere loro un bel Natale» spiega Alberto Dossi – elargito in welfare aziendale e che si è aggiunto ai 380 euro all’anno, sempre in welfare, previsti dal contratto integrativo. Per il presidente di Sapio fare impresa significa anche promuovere la responsabilità sociale all’interno e all’esterno dell’azienda. Che non è una onlus, il suo compito resta quello di fare utili. Ma la ricchezza prodotta deve essere redistribuita. Per questo, Sapio assegna ogni anno 20 borse di studio ai figli più meritevoli dei dipendenti e ha creato un fondo di solidarietà a favore delle famiglie in difficoltà.

ALL’ESTERNO, la responsabilità sociale si è tradotta in varie forme, dal camper di primo soccorso inviato dopo il terremoto dell’Aquila all’accoglienza ai pellegrini per il Giubileo del 2000, passando per i fondi elargiti alla fondazione Maria Letizia Verga contro le leucemie infantili. Senza dimenticare le ricerche di BioRep, società del gruppo Sapio, per cui l’anno scorso Dossi e Colombo sono stati ricevuti da Papa Francesco. All’interno dell’azienda, poi, responsabilità sociale significa costruire un ambiente di lavoro innovativo, grazie anche ai nuovi progetti di digital office e comunicazione interna, ma anche iniziative come le Sapio Olimpiadi, gare sportive aperte a tutti i dipendenti. Per Alberto Dossi è fondamentale parlare con i suoi dipendenti: operai, impiegati e dirigenti. «Lo abbiamo fatto – ricorda – quando la crisi era più acuta in Italia girando per le nostre sedi per spiegare ai dipendenti che i risultati di Sapio erano positivi, che l’azienda era solida, che non c’era da preoccuparsi per il posto di lavoro e per le loro famiglie» A.Pe.

 

Di | 2018-02-12T17:35:43+00:00 12/02/2018|Primo piano|