OBIETTIVO LAVORO

PRIMO PIANO
Intesa vuole 500 giovani coraggiosi

MILANO

BANCA INTESASANPAOLO: 500 nuove assunzioni. Il gruppo, nato nel 2007 dalla fusione di due grandi banche italiane, Banca Intesa e Sanpaolo Imi, ha annunciato che intende entrare nel mondo delle assicurazioni a protezione delle persone, delle famiglie e dei loro beni. Una iniziativa che fa parte del nuovo Piano d’impresa 2018/2021 secondo cui Banca Intesasanpaolo effettuerà 500 nuove assunzioni entro il 2021 per le operazioni di post vendita e della gestione sinistri. Il personale ricercato riguarda soprattutto consulenti finanziari ma sul proprio sito, nella sezione «Lavora con noi», è possibile trovare tante altre figure: liquidatore sinistri, coordinatore progetto It, senior risk manager.

PER QUANTO RIGUARDA i consulenti finanziari si cercano giovani che vogliano confrontarsi con percorsi di crescita professionali impegnativi e stimolanti. Per questo il Gruppo ha creato il «Recruiting Game Make It Real», in programma per il 19 e 20 luglio presso la sede di Intesasanpaolo a Milano Bonola. In queste due giornate i candidati potranno mettersi alla prova in una serie di prove sia individuali sia di gruppo per testare il problem solving, la collaborazione, ma soprattutto il talento nella vendita. Per candidarsi: https://jobs.intesasanpaolo.com/job/Torino-Make- it-Real-Consulenti-Finanziari/479110101/.

Veronica Todaro


Fineco, nuova generazione di consulenti
«Sistemi hi-tech e crescita professionale
Porte aperte ai private banker migliori»

MILANO

NEGLI ULTIMI ANNI il mondo della consulenza finanziaria è riuscito a ritagliarsi un ruolo sempre più fondamentale nella gestione del risparmio delle famiglie, conquistandone la fiducia grazie a un approccio sempre più professionale. In questo contesto, Fineco prosegue nella sua ricerca di professionisti di solida esperienza e che siano in grado di rispondere alle complesse esigenze di pianificazione finanziaria della clientela, con un occhio di riguardo per le famiglie di fascia alta. «Proprio per l’attenzione verso la clientela in soglia ‘private’ – spiega Mauro Albanese, Direttore commerciale rete di Fineco – Fineco si rivolge a quei consulenti e private banker dotati di competenze che vanno ben oltre la preparazione finanziaria. Servono professionisti che siano in grado di comprendere anche le necessità di natura previdenziale, fiscale e successoria, fino ad abbracciare i temi della asset protection, della family governance e della Corporate advisory». La ricerca non è volta solo a chi già opera nel segmento della consulenza finanziaria, ma anche a chi proviene dal mondo bancario. Questi ultimi hanno infatti la possibilità di cogliere le grandi opportunità di crescita del settore delle reti perché portano in dote una grande conoscenza approfondita del tessuto economico e imprenditoriale del territorioe.

FINECO PUÒ CONTARE su una rete di oltre 2.600 consulenti finanziari, e punta sin dalla sua nascita su una strategia concentrata sulla crescita organica. «Se quest’ultima rappresenta il motore principale di sviluppo di Fineco – prosegue Albanese –, il reclutamento ne fornisce però il complemento necessario, perché permette di portare nella nostra squadra approcci e competenze diverse. Se, da un lato, il prerequisito per entrare nella nostra rete è che si sposi la nostra filosofia di consulenza, che mette al centro la trasparenza nei confronti dei clienti, dall’altro il professionista trova in Fineco tutto il supporto per crescere e raggiungere i propri obiettivi, a partire strumenti da strumenti tecnologici all’avanguardia ». Il progetto di reclutamento si inserisce in un contesto, quello del settore della consulenza finanziaria, particolarmente in fermento, viste le sfide poste da Mifid II in termini di trasparenza e dal fenomeno del Fintech sul fronte della qualità dei servizi a disposizione di professionisti e clienti. Sfide che la Banca del gruppo Unicredit affronta grazie a un modello fondato su tre pilastri: innovazione e qualità dei servizi, efficienza operativa e rispetto e trasparenza verso i clienti. Un modello che, combinato al focus sulla crescita organica della rete di consulenti, si traduce nel costante sviluppo di servizi ad alto contenuto tecnologico per semplificare l’attività dei professionisti, con l’obiettivo di migliorarne la produttività e conseguentemente la soddisfazione dei clienti.

LO SCORSO ANNO Fineco ha lanciato X-Net, la piattaforma tecnologica costruita per esaltare la centralità del consulente nel rapporto con il cliente, quest’anno la banca ha lanciato una nuova piattaforma di consulenza, Plus, che affianca FinecoAdvice, il servizio di advisory a parcella lanciato dalla Banca ormai nel 2008. Plus è la prima piattaforma di consulenza globale, in grado di abbracciare tutti i prodotti disponibili in Fineco: non più solo Fondi e Sicav, ma anche azioni, obbligazioni, Etf e liquidità. Fornisce ai consulenti la massima flessibilità nella costruzione di portafogli personalizzati sulla base dei singoli obiettivi di vita, e aiuta i professionisti a guidare i clienti in un percorso di consapevolezza finanziaria grazie a una reportistica dettagliata e di comprensione immediata.

LA FILOSOFIA
Trasparenza e chiarezza per conquistare la fiducia del cliente. Ai vertici nella gestione dei patrimoni della famiglie di fascia alta

MILANO

FINECO è tra le realtà leader nel segmento del private banking, potendo contare su un patrimonio di oltre 26 miliardi di euro tra la clientela di fascia alta e ben 325 private banker. Una crescita di lungo periodo favorita da un modello di servizio di consulenza basato su tre pilastri: qualità e innovazione per un’offerta sempre al passo con le necessità dei clienti; efficienza operativa, per garantire una customer experience con standard elevati; trasparenza verso la clientela, soprattutto per quanto riguarda i costi.

UN APPROCCIO che pone il consulente finanziario di Fineco (nella foto a destra l’amministratore delegato Alessandro Foti) nella migliore posizione per costruire con il cliente un rapporto di lungo periodo basato sulla fiducia, condizione fondamentale per affrontare un tema delicato come la gestione del patrimonio e dei risparmi. Fineco ha di recente rilanciato la propria offerta sul segmento Private, presentando un progetto che ne rafforza il posizionamento nel settore anche per confermarsi come polo di attrazione per professionisti di alto standing. Grazie anche al rafforzamento del team di Private Banking Advisory, Fineco è ora in grado di assistere la migliore clientela a tutto tondo sul proprio patrimonio.

Di | 2018-07-09T09:24:59+00:00 09/07/2018|Lavoro|