LA SPINTA DELLA MULTINAZIONALE

Gsk, il colosso che regge il polo
Lavoro, talenti e investimenti
per creare i vaccini del futuro

GSK VACCINES, azienda ai vertici mondiali per ricerca, sviluppo e produzione di vaccini, ha in Toscana una presenza di peso, oltre a vantare una secolare tradizione. Risale infatti al 1904 la nascita a Siena dell’Istituto Vaccinogeno Sieroterapico Toscano, ‘antenato’ di quella che oggi rappresenta l’unica azienda biotecnologica che, nel nostro Paese, ricerca, sviluppa, produce e distribuisce vaccini. Un hub di eccellenza di livello internazionale che a Siena e Rosia si presenta con un centro di ricerca e sviluppo globale – uno dei tre al mondo della multinazionale britannica da quasi diecimila dipendenti – e uno stabilimento produttivo da cui vengono distribuiti vaccini batterici in tutto il mondo. Parliamo di una realtà importante anche dal punto di vista economico, viste le ricadute sull’indotto che vanno ben oltre i confini di Siena e della Toscana: 200 milioni spesi per prodotti e servizi nel 2017, l’83 per cento dei quali in Italia.

È GSK VACCINES, con la sua dote di competenze, talenti e know how, a fare da catalizzatore del polo senese scienze della vita. «Sviluppiamo da sempre prodotti, processi e tecnologie innovative in grado di coprire l’intero ciclo di vita del vaccino: dal laboratorio al paziente – afferma con orgoglio Rino Rappuoli, chief scientist GSK Vaccines e amministratore delegato della sede italiana –. All’interno del network GSK rappresentiamo un sito end-to-end, in grado di coprire tutte le fasi che caratterizzano la vita di un vaccino: ricerca e sviluppo, produzione, controllo qualità, confezionamento e distribuzione». Non è finita qui: «Il nostro, inoltre, è l’unico sito al mondo dove vengono prodotti tutti i vaccini contro le principali tipologie di meningite (A, B, C, W, Y) che causano la gran parte dei casi di questa terribile infezione», sottolinea Rappuoli. Proprio questi ultimi rappresentano per il portfolio GSK prodotti chiave che hanno fatto registrare nel 2017 un incremento di vendite del 27 per cento a livello globale, una performance straordinaria che ha portato l’azienda a essere la prima al mondo per vendite di vaccini.

ECCO DOVE NASCONO i vaccini del futuro: alcuni dei prodotti più innovativi ed efficaci nella prevenzione delle malattie infettive in tutto il mondo sono stati scoperti e sviluppati proprio nel Centro ricerche GSK Vaccines di Siena. Da quello contro la pertosse al primo antinfluenzale con adiuvante negli anni ’90, fino al primo vaccino al mondo contro il meningococco B, ovvero il sierogruppo che causa la maggior parte dei casi di meningite batterica nel mondo. Un successo tutto senese che ha fatto il giro del mondo, e che è divenuto realtà grazie allo straordinario lavoro del team di ricercatori guidato da Rino Rappuoli, artefice di una vera e propria rivoluzione nel modo di realizzare i vaccini.

AD OGGI, sono oltre 22 milioni le dosi del vaccino MenB distribuite. La prossima sfida riguarda lo sviluppo di un vaccino terapeutico contro la bronco pneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), che colpisce ben 329 milioni di persone nel mondo.

FORMAZIONE
La ricetta vincente dell’Istituto tecnico
Nuove tecnologie: già 60 diplomati

ALLA LUCE della rivoluzione Industria 4.0 e al nuovo scenario dei lavori del futuro, una ricetta che pare funzionare è quella messa in campo dal Sistema Its, gli Istituti Tecnici Superiori del Ministero. Grazie alla sinergia tra mondo del lavoro e formazione, nascono le ‘Accademie’ che si occupano della formazione terziaria professionalizzante per tutte le filiere del settore economico. Nell’ambito Scienze della Vita, sono 7 le fondazioni in Italia che, attraverso la collaborazione con imprese farmaceutiche e che producono apparecchi biomedicali, riescono a formare i propri dipendenti. Corsi progettati con le aziende, in base alle competenze richieste al momento, almeno il 50% del corpo docente proveniente dalle imprese del settore, stage di 6 mesi sul posto di lavoro: questi gli ingredienti che hanno permesso alla stessa Fondazione Vita – Istituto tecnico superiore per le nuove tecnologie della vita di Siena, di diplomare ad oggi 60 ragazzi, il 70% dei quali, solo dopo un mese del loro diploma, hanno trovato un’occupazione del settore.

Di |2018-10-02T09:24:18+00:0010/09/2018|Dossier scienze della vita|