«Essere se stessi, ma la forma conta»
Le competenze non bastano mai
Una segretaria deve parlare tre lingue

Lisa Ciardi

«NON ESISTONO colloqui informali: nel dubbio meglio eccedere con le formalità! Senza dimenticare però di essere se stessi». Sono i consigli di Gianluca Bissoli, cacciatore di teste di Verona, attualmente amministratore della società Manager Sas e Ceo di «Profili & Carriere Group». Lo abbiamo intervistato per capire novità e tendenze nel mondo dell’head hunting.

Quali profili tratta nella sua attività professionale di «cacciatore di teste?

«I profili che trattiamo, soprattutto nell’ultimo periodo, riguardano il settore commerciale estero, il settore It (divisione commerciale e tecnica) e la Gdo, ovvero la grande distribuzione. In questi ambiti, ma soprattutto per la parte commerciale, ci viene richiesta l’attività di head hunting, perché le società nostre clienti richiedono figure professionali già attive sui mercati, quasi esclusivamente esteri, e in possesso di un pacchetto clienti già consolidato al quale presentare il nuovo prodotto».

Ci sono figure più richieste in questo momento o, al contrario, figure che hanno una fase di crisi? «Negli ultimi anni le figure generiche della segretaria, piuttosto che dell’amministrativo puro o del commerciale in Italia (agente di commercio) sono state sostituite da: segretaria di direzione con conoscenza di almeno tre lingue straniere, ottima presenza, brillante e disponibile a spostamenti immediati anche senza preavviso; controller con un’alta specializzazione in It (divisione commerciale e tecnica), capacità di definizione budget aziendali, analisi, monitoraggio e soluzione degli scostamenti actual/budget, capacità di definire modelli di reporting tramite strumenti di business intelligence; export manager con ottima conoscenza tecnica dei prodotti da trattare e preferibilmente con un pacchetto di clienti già consolidato nei mercati di riferimento».

Quali sono le caratteristiche che cercate in un candidato?

«L’onestà e la motivazione. L’onestà per prima: dopo venti anni di attività di selezione si capisce immediatamente se una persona si presenta per ciò che non è davvero. Questo, per noi, è motivo immediato di eliminazione. Con la motivazione pensiamo si possa superare qualsiasi limite, garantendo all’azienda nostra cliente la certezza di assumere una persona fidata e che rimarrà impiegata per un lungo periodo».

Quali sono le aree geografiche e professionali più attive e dinamiche?

«In Italia, negli ultimi anni, oltre al Veneto, abbiamo la Lombardia, l’Emilia e il Lazio, nello specifico Verona, Treviso, Milano, Parma e Roma. A livello mondiale India, Vietnam, Giappone e Nord America. Recentemente molti capitali si stanno muovendo in Africa, in particolare nell’Africa Nera».

Che consigli darebbe a chi vuol farsi notare da un cacciatore di teste? E cosa invece gli consiglierebbe di evitare?

«Prima di tutto elaborare un curriculum dettagliato e conciso di massimo due/tre pagine in italiano, o in inglese qualora l’azienda sia straniera: è infatti una questione di rispetto, educazione e buonsenso inviare un documento nella lingua madre della società di executive search. Al candidato che si presenta a un colloquio di selezione consiglierei di indossare abiti in cui si senta a proprio agio e che, al tempo stesso, rispettino il codice di abbigliamento adatto alla situazione. Non esistono colloqui informali, nel dubbio meglio eccedere con le formalità!Fondamentale infine, ripeto, essere sempre se stessi».


PROFILI & CARRIERE GROUP
«Gianluca Bissoli, esperienza ventennale
Focus su ricerca e selezione del personale

LAUREATO in Economia e Commercio con specializzazione Marketing all’Università di Verona, con una tesi dalla conferenza di Bruxelles su «Il mercato unico europeo e la gestione dell’informazione», Gianluca Bissoli, cacciatore di teste, è attualmente socio amministratore della società Manager Sas e Ceo di «Profili & Carriere Group». Dopo aver maturato un’esperienza come responsabile di segreteria generale presso una multinazionale metalmeccanica con il ruolo di facility manager, ha iniziato l’attività di libero professionista in uno studio associato di commercialisti. Dal 1997 è amministratore di sede di «Profili & Carriere» Verona e dal 2016 è diventato Ceo di «Profili & Carriere Group», network specializzato in ricerca e selezione del personale con diverse sedi soprattutto nel centro e nord Italia. Parallelamente prosegue la sua attività di amministratore della società Manager sas, nata nel 1997 e che, nel 2001, è stata fra le prime nove società italiane ad essere accreditata presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ad esercitare l’attività di ricerca e selezione di personale.