BANCA GENERALI, IL PORTO SICURO

«Svolta digitale dal volto umano
Trading senza rischi con Saxo
E servizi modello Amazon»

MILANO

Banca Generali accelera la rivoluzione digitale con un approccio personalizzato. Il tema della disintermediazione tra cliente e banca viene risolto in maniera diversa rispetto alle banche con sportelli. «Affrontiamo la sfida digitale con un approccio aperto, cercando di aggregare il meglio delle esperienze globali – spiega Gian Maria Mossa – Una prima osservazione riguarda l’accessibilità, con un ambiente dove si è sempre connessi e con servizi sempre disponibili. Stiamo lanciando un sistema di home banking innovativo che trae spunto dalle grandi società tecnologiche. Per la firma digitale dei contratti siamo andati a vedere come vengono fatte le operazioni da un gigante come Amazon e non da un’altra realtà bancaria. Si impara dai grandi player digitali».

Ma resterà la relazione stretta tra consulente finanziario e cliente?

«Il digitale è un valore aggiunto che non riduce il rapporto con il cliente, ma al contrario, ne amplifica la portata. Pensiamo ai servizi di consulenza evoluta che possono contare sul contributo dall’analisi di dati e piattaforme di ultima generazione in grado di aumentare le correlazioni patrimoniali. Bisogna saper distinguere quelli che sono servizi distintivi da quelli che non lo sono. I secondi possono essere svolti facilmente da piattaforme digitali senza oneri particolari. È il concetto di free bank che rende tutti i servizi di banca tradizionali a basso valore aggiunto, e quindi erogabili a costo industriale. In questo ambiente non è pensabile di pagare un conto corrente, che è ormai una commodity, come certe cifre del passato».

Banca Generali ha stretto un accordo con la società danese di trading Saxo bank: perché loro?

«Perché, a mio avviso, è la migliore piattaforma per la compravendita di titoli e strumenti finanziari in Europa. Completa la nostra gamma di servizi ai clienti e aumenta le opportunità per i nostri consulenti. Nel panorama mondiale abbiamo esaminato bene gli altri potenziali interlocutori e nessuno aveva le sue caratteristiche. La forza di Saxo è che nasce da una forte cultura di risk management, con la coscienza di voler proteggere e informare i propri clienti sui potenziali rischi dell’operatività. Da quello ha poi sviluppato competenze e soluzioni straordinarie. Basti vedere alla rosa di soluzioni nella copertura dinamica sui cambi».

Davide Nitrosi

Di |2018-10-02T09:24:18+00:0010/09/2018|Primo piano|