UN SISTEMA IN MOVIMENTO

Ubi pronta al cambio di governance Dopo le fusioni stop ai doppi vertici All’orizzonte un incrocio con Mps Camilla Cresci MILANO DOPO IL SALVATAGGIO delle tre good bank Ubi è entrata in una fase che i tecnici chiamano di consolidamento. Malgrado le apparenze però il gruppo lombardo nato nel 2007 all’ombra di Giovanni Bazoli è in una situazione tutt’altro che statica. In questi ultimi mesi dell’anno infatti il consigliere delegato Victor Massiah e i suoi più stretti collaboratori hanno dossier molto importanti sulla scrivania. A partire dal cambio di governance che dovrebbe essere annunciato entro la fine dell’anno e arrivare [...]

Di |2017-11-29T14:52:43+00:0029/11/2017|Finanza|

UN SISTEMA IN FIBRILLAZIONE

Le due Popolari in mezzo al guado Creval guarda a Sondrio dopo la crisi Bari, una coop tra Borsino e inchieste Camilla Cresci MILANO TRA LE MOLTE incertezze che pendono sul sistema bancario c’è anche quella relativa al futuro delle banche popolari. Dopo la riforma del governo Renzi, che nel gennaio 2015 ha imposto la trasformazione in spa ai primi dieci istituti cooperativi, alla fine del 2016 il colpo di coda del Consiglio di Stato ha congelato il processo. Se la gran parte degli istituti coinvolti aveva ormai compiuto la storica svolta, le popolari di Sondrio e di Bari restano [...]

Di |2018-05-14T13:14:21+00:0027/11/2017|Finanza|

LE SCELTE DEI SOCI STORICI

L’ultimo scoglio per salvare Carige Aumento di capitale da 560 milioni L’ipotesi di un polo con Unipol e Bper Camilla Cresci È ORMAI tutto pronto per l’ultima prova di Banca Carige. Mercoledì 15 il consiglio di amministrazione della cassa genovese dovrebbe fissare il prezzo dell’aumento di capitale da 560 milioni che completerà il percorso di rafforzamento patrimoniale da un miliardo di euro. Nelle scorse settimane gli altri tasselli sono stati disposti con la conclusione positiva del liability management (una plusvalenza di circa 200 milioni) e le cessioni degli immobili a partire dalla storica sede di corso Vittorio Emanuele a Milano. [...]

Di |2018-05-14T13:14:21+00:0015/11/2017|Finanza|

IL FUTURO DI UNA BANCA DI 5 SECOLI

Nasce il Monte dei Paschi di Stato Il Tesoro nuovo padrone della Rocca E la Borsa regala rialzi inaspettati Francesco Meucci SIENA INIZIA DOMANI il futuro del Monte dei Paschi. Il cda di Rocca Salimbeni si riunisce per approvare i conti del trimestre – saranno ancora in chiaroscuro con un risultato operativo positivo gravato ancora dalla contabilizzazione delle partite necessarie al salvataggio della banca – ma soprattutto per fissare la data dell’assemblea dei soci che dovrà prendere atto della nuova composizione sociale e del nuovo statuto. L’appuntamento sarà per la seconda metà di dicembre, tra il 15 e il 20, [...]

Di |2018-05-14T13:14:24+00:0010/11/2017|Finanza|

IL FUTURO DELLE ASSICURAZIONI

Il giro di valzer delle grandi compagnie Nelle banche cresce la voglia di polizze Generali e Unipol hanno altri progetti Camilla Cresci MILANO PER ENRICO Cuccia le assicurazioni erano come i fiabeschi scrigni de Le Mille e una Notte. Il loro tesoro, le riserve tecniche, andava difeso da ogni incursione nemica e tenuto possibilmente sotto l’ala vigile di Mediobanca e dei suoi vassalli. I tempi sono cambiati e oggi più prosaicamente i banchieri ritengono le polizze un’utile fonte di ricavi. Del resto negli ultimi anni la marginalità degli istituti italiani è calata a picco, non solo perché prestare denaro rende [...]

Di |2018-05-14T13:14:25+00:0027/10/2017|Finanza|

GRANDI MANOVRE IN PIAZZETTA CUCCIA

Il tempio Mediobanca cerca nuovi sacerdoti Il patto è già il passato Camilla Cresci MILANO SAREBBE irrealistico chiamarla ancora la galassia del Nord, ma c’è da giurare che sull’asse MediobancaGenerali ci sarà un certo movimento nei prossimi mesi. Il prossimo 28 ottobre, l’assemblea di Piazzetta Cuccia eleggerà il nuovo cda. Come da programma, l’appuntamento non riserverà sorprese visto che ai vertici verranno confermati ancora una volta gli ex delfini di Enrico Cuccia, l’amministratore delegato Alberto Nagel e il presidente Renato Pagliaro, custodi da quasi un quinto di secolo del tempio della finanza italiana. O, almeno, di quel che ne rimane. [...]

Di |2018-05-14T13:14:26+00:0019/10/2017|Finanza|

I PROTAGONISTI DEL CAPITALISMO ITALIANO

Agnelli, la dinastia al volante della Fiat L’Avvocato sognava l’America Marchionne l’ha conquistata di GI-- USEPPE TURANI TORINO GIOVANNI Agnelli, morto nel 2003, è stato definito come l’ultimo uomo del Rinascimento. E probabilmente la definizione è esatta. Personaggio di vasti interessi e, soprattutto, di curiosità infinite, più americano che italiano, negli Stati Uniti ha sempre avuto casa e vi si muoveva meglio che in Italia. I suoi amici dicono che pensava in inglese e che poi traduceva in italiano. Alla Fiat, ricevuta in eredità dal nonno (che è anche quello che lo ha allevato, a causa della prematura scomparsa del [...]

Di |2018-05-14T13:14:26+00:0019/10/2017|Finanza|

STITUTI PRONTI A RIPARTIRE

Venti mesi di salvataggi Le banche a caccia della fiducia perduta Camilla Cresci MILANO VENTI MESI che hanno ridisegnato il credito italiano. Così sarà ricordato il periodo che va dal dicembre 2015 (risoluzione delle quattro good bank) al settembre scorso, quando Crédit Agricole ha salvato le casse di Rimini, Cesena e San Miniato da un fallimento certo. Con questo salvataggio sale a dieci il numero di banche messe in sicurezza nell’arco di quasi un anno; il sistema può ora guardare al 2018 con maggiore tranquillità. Nel frattempo, infatti, Banca Mps è stata nazionalizzato con un’iniezione da 5,3 miliardi e le [...]

Di |2018-05-14T13:14:27+00:0012/10/2017|Finanza|

L’INNOVAZIONE E’ IL MIO MESTIERE

Softbank scommette sui robot Uber e Toshiba i nuovi jolly Così il colosso investe sul futuro Davide Nitrosi MILANO NON FATEVI ingannare dal nome. Il conglomerato giapponese Softbank non è una banca e il suo fondatore, il 60enne Masayoshi Son, non è un banchiere. Intanto perché il colosso fondato nel 1981 investe in tecnologia, comunicazione digitale e quant’altro di innovativo (e spesso rischioso) può venirvi in mente. E poi perché un banchiere non parlerebbe mai come il signor Son, il cui obiettivo è «rivoluzionare l’informazione» perché, sostiene con fiducia tutta orientale, solo così è possibile garantire «felicità a tutti». Quindi, [...]

Di |2018-05-14T13:14:27+00:0005/10/2017|Finanza|

L’ACCIAIO IN CERCA DI FUTURO

Piombino «tradita» da Rebrab Il governo vorrebbe l’uscita soft in attesa di Jindal e British Steel PIOMBINO NIENTE. NESSUN nuovo forno elettrico, acciaieria e treni di laminazione. Il progetto di Issad Rebrab a due anni dalla presentazione, e dalla firma dell’accordo al ministero dello Sviluppo Economico, non ha prodotto un grammo di acciaio, ma solo carta. L’idea, ambiziosa, di fare di Piombino la «Stella del Mediterraneo» con una acciaieria elettrica ecologica, impianti agroalimentari e un hub per la logistica sul porto, con un maxi investimento di tre tranche, da 450 milioni cadauna, è rimasta solo un’idea e niente più. Il [...]

Di |2018-05-14T13:14:30+00:0026/09/2017|Finanza|